Una P Lunga
ottanta metri

Show more images

Nel 1978 Pirelli ebbe l’intuizione di illustrare la campagna pubblicitaria “Pneumatici con la P maiuscola” con uno scenografico scatto per realizzare la P Lunga – la P con l’occhiello allungato – realizzato posizionando sulla pista di un aeroporto circa 140 automobili di diverse marche, a testimonianza dell’ampiezza della gamma dei propri pneumatici.

Una P lunga 80 metri

Oggi, esattamente 40 anni dopo, è stata nuovamente disegnata una P Lunga fatta di automobili. 
Se nel 1978 si trattava di vetture stradali, oggi le protagoniste sono le potenti e colorate auto GT3  che corrono nel campionato Blancpain GT Series.
A fare da sfondo all’iniziativa è il rettilineo principale dell’Autodromo di Monza, il Tempio della Velocità, uno dei più antichi al mondo ancora in attività, secondo solo a Indianapolis.
41 auto, 12 costruttori, più di 150 persone coinvolte, oltre 22.000 cavalli su 80 metri di lunghezza e 18 di larghezza a conclusione di una giornata in pista.
Le auto coinvolte non sono più quelle stradali del 1978 bensì le potenti GT3 in grado di raggiungere su quel rettilineo i 280 Km/h; supercar di marchi prestigiosi, quali Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Ferrari, Lamborghini, Lexus, McLaren, Mercedes-AMG, Nissan, Porsche e Jaguar, tutte con un unico comune denominatore: i pneumatici Pirelli

A conclusione della giornata di gara, senza un minuto da perdere per catturare la luce magica prima del tramonto, tutte le auto sono state sistemate lungo il rettilineo. Il tempo a disposizione era di soli 90 minuti per posizionare dei punti di riferimento sull’asfalto del circuito, portare le macchine sul rettifilo e quindi allinearle perfettamente.  
A causa del divieto di accensione dei motori delle auto da corsa oltre le 18.30 sul circuito, ogni macchina, del peso di circa una tonnellata, è stata spinta e posizionata a braccia da meccanici, piloti e personale di pista per ricreare un’immagine che durerà altri 40 anni.

Continua a leggere