Spa-Francorchamps F1 GP, il giro degli dei

Spa-Francorchamps F1 GP, il giro degli dei 01

COM'È GUARDARE SPA?

Spa-Francorchamps rimane uno dei circuiti iconici del calendario di Formula 1, anche se le sue caratteristiche sono cambiate notevolmente nel corso degli anni. Il tracciato originale era un'epopea di 14,9 chilometri, fatto di strade pubbliche che collegavano le città di Francorchamps, Malmedy e Stavelot. Quello attuale è lungo la metà, poco più di 7 chilometri, ma resta comunque il tracciato più lungo della  Formula 1. E’  anche uno dei più impegnativi, anche grazie alle ulteriori modifiche fatte nel 2022. Oltre ad essere noto tra i piloti, la combinazione di curve veloci e sezioni pianeggianti di Spa aiuta a fare corse spettacolari. La parte più famosa del tracciato, Eau Rouge e Raidillon, gioca un ruolo centrale con una rapida corsa in salita sinistra-destra-sinistra, la chiave per raggiungere la massima velocità sul lungo rettilineo del Kemmel che segue: la migliore occasione di sorpasso sul circuito. Spa è anche famosa è il suo clima, prova ne è la corsa abbreviata del 2021, corsa agli estremi; le dimensioni del circuito e la natura localizzata del meteo nella regione delle Ardenne fanno sì che non sia raro che una parte della pista sia completamente bagnata e un'altra completamente asciutta.

COM'È GUIDARE A SPA?

Spa è ai primi posti tra i circuiti preferiti di molti piloti ed è facile capire perché. Eau Rouge e Raidillon sono l’evidenza della natura ondulata e delle montagne russe della pista; un giro completo sottopone le gomme a forze pesanti da quasi tutte le direzioni. Anche l'assetto dell'auto è un compromesso difficile tra l'ottimizzazione della velocità in rettilineo e il maggior carico aerodinamico possibile in curva. Durante l'inverno scorso sono state apportate modifiche significative a Spa per migliorare la sicurezza, proprio per consentire il ritorno delle corse motociclistiche ma che potrebbero anche aumentare la sfida tra i piloti. Al Raidillon, le barriere sul lato sinistro sono state spostate indietro per aumentare lo spazio di scolo e ridurre la possibilità che le auto rimbalzino sulla linea di corsa. Altrove, come a La Source, Les Combes e Pouhon, le aree di deflusso dell'asfalto esistenti sono state parzialmente o interamente sostituite da pozzetti di ghiaia. Ciò dovrebbe garantire un deterrente più naturale contro il superamento dei limiti della pista, punire gli errori più duramente e rendere un giro perfetto della pista ancora più gratificante per i piloti, restituendo parte del carattere che ha reso Spa così leggendaria.

Spa-Francorchamps F1 GP, il giro degli dei 02

COM'È VISITARE IL BELGIO?

La regione delle Ardenne è nota per lo sci in inverno - l'unica stazione sciistica del Belgio non è lontana dal circuito di Spa-Francorchamps - mentre in estate i diversivi più popolari sono l'escursionismo e il ciclismo. Ma a fine agosto si parla di corse automobilistiche: portatevi però un ombrello, perché il bel tempo è tutt'altro che garantito (come ha dimostrato il washout dell'anno scorso).

Spa-Francorchamps gode di una posizione un po' isolata, con la grande città più vicina che è la vivace città universitaria di Liegi, ma non è esattamente accanto. Invece, la maggior parte degli appassionati di corse si dirige verso la stessa città di Spa, che sicuramente sa come divertirsi come sede del Casinò più antico d'Europa. Il Belgio è tutto birra, e durante il weekend del Gran Premio i bar e i ristoranti sono sempre animati: non si deve andare lontano per divertirsi. Le migliori moules-frites, il piatto nazionale del paese, sono servite a L'Auberge in Place Royale. Altri famosi villaggi della zona, che hanno dato il nome a diverse parti del circuito, includono Stavelot e Malmedy, ognuno con il proprio carattere unico. Da visitare il museo delle corse di Spa-Francorchamps, situato in modo surreale nell'abbazia di Stavelot, e per chi è alla ricerca di museo un po' più bizzarro, è consigliato il museo del lavaggio a Spa, completo di un'impareggiabile collezione di vintage lavatrici.

Continua a leggere