Pronti per il rombo del GT

Show more images

Preparando la scena

Lo storico e pittoresco circuito di Imola alzerà il sipario sulla stagione GT World Challenge Europe con una gara di tre ore di Endurance Cup per i primi 10 weekend di gare che si svolgeranno nel corso della stagione 2022.

La GT World Challenge, organizzata da SRO Motorsports, è presente in quattro continenti del mondo: Europa, America del Nord, Asia e Australia. La stagione è suddivisa in due gare separate, Endurance e Sprint Cup, ciascuna delle quali contribuisce alla classifica generale di fine anno.

Nella prima gara della stagione Dries Vanthoor e Charles Weerts del Team WRT Audi partono come difensori e campioni Sprint Cup, mentre Iron Lynx è il campione generale dei team grazie al titolo piloti dello scorso anno con Alessandro Pier Guidi, Come Ledogar e Nicklas Nielsen con Ferrari.

In questa stagione nove marchi saranno rappresentati in GTWC: Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Ferrari, Lamborghini, McLaren, Mercedes e Porsche. Si tratta di uno dei settori più competitivi del GT del mondo, in grado di attrarre sia veterani non più giovanissimi, sia ex piloti di Formula 1.Per il 12° anno consecutivo, il fornitore di pneumatici è Pirelli.

Un eroe scende in pista

Il debuttante di quest’anno nelle gare GT sarà la leggenda del MotoGP Valentino Rossi: il nove volte campione del mondo ha appeso gli stivali da moto e si cimenterà alla guida di una Audi R8 GT3 WRT.

“L’auto si guida molto bene, è una vettura da gara molto potente” spiega Rossi. “Si tratta di una nuova avventura, di un mondo completamente nuovo. E soprattutto dobbiamo capire il mio livello e la mia velocità perché non li conosciamo ancora. Spero di essere competitivo e di lottare per il podio.”

Quest’anno ben 52 automobili parteciperanno all’Endurance Cup, con 12 Audi, il numero maggiore, 11 Mercedes e nove Lamborghini.

Nella Sprint Cup, con due gare da un’ora per weekend, Audi schiererà 11 vetture, mentre Mercedes scenderà in pista con cinque.

Pirelli, che dall’istituzione dei regolamenti GT3 nel 2013 è uno dei partner, anche quest’anno sarà in prima linea nella stagione GT, debuttando con il nuovo pneumatico slick P Zero DHF che sarà montato su ogni auto GT3, GT4 e GT2.

Lo pneumatico è l’evoluzione della nuova mescola DHE, in grado di garantire aderenza e performance maggiori sia nel singolo giro che in sessioni di endurance più lunghe.

Ogni giro conta

E non sono solamente le vetture e i piloti a occupare la scena. Le gare occupano una posizione di rilievo nell’elenco di ciascun pilota che gareggi in questo campo.

Le gare GT occupano un’ampia fetta delle attività di competizione di Pirelli e forniscono all’azienda il maggiore evento singolo dell’anno: la 24 Ore di Spa in Belgio. Si tratta di un gioiello nella corona del calendario della GT World Challenge. Pirelli fornisce regolarmente 13.000 pneumatici durante l’intero weekend di Spa, compresi quelli per i campionati di supporto.

Le attività di gara GT di Pirelli si espandono anche ad una moltitudine di campionati nazionali, come ad esempio il Campionato Italiano Gran Turismo, British GT, FFSA GT e ADAC GT Masters.

In totale Pirelli è attiva in più di 350 campionati di autovetture in tutti e cinque i continenti. Questi variegati programmi spaziano dalla competizione aperta con oltre 20 produttori rappresentati fino alle serie monomarca, come ad esempio la Ferrari Challenge e il Lamborghini Super Trofeo.

La GT World Challenge Europe visita alcuni tra i circuiti più iconici del continente, come Paul Ricard, Monza, Brands Hatch e Hockenheim, mentre oltre l’Oceano Atlantico abbiamo Laguna Seca, Circuit of the Americas in Texas, Watkins Glen, Road America ed il nuovo Ozarks International Circuit nel Missouri.

Indipendentemente dalle serie, ai partecipanti viene offerta la stessa possibilità di lottare per le vittorie globali e di categoria, in quanto il Balance of Performance (BOP) è applicato all’intera griglia di partenza per garantire un’equa competizione.

Ciò assicura che i piloti e le vetture siano abbinati con attenzione: dopo 24 ore di gare, i partecipanti sono a volte separati da pochi decimi di secondo.

Continua a leggere