Power is nothing
without control

Power is nothing without Pirelli’s control 01

Quello di quest’anno, in vista della gara d’apertura del 17 marzo, sarà davvero una F1 più lenta rispetto alla scorsa stagione? La teoria direbbe di sì. Si viene da un biennio di accelerazioni prodigiose. I pneumatici più larghi introdotti nel 2017 hanno agevolato un aumento clamoroso delle velocità in curva, merito dell’aderenza decisamente maggiore, e i record su quasi tutti i circuiti sono crollati. Quest’anno le monoposto presentano però variazioni aerodinamiche potenzialmente negative per le velocità in curva e un peso complessivo maggiorato di circa 10 chilogrammi: soltanto quest’ultima misura vale, a parità di condizioni e su un circuito di media lunghezza, un rallentamento sul giro fra tre e quattro decimi di secondo. Eppure i test pre-stagione in Spagna, a cavallo fra febbraio e il primo di marzo, hanno già mostrato tempi inferiori a quelli degli stessi test di un anno fa. La pratica, quindi, autorizza le attese solite. Missione principale della Formula 1 è accelerare, accelerare, accelerare. Lo sviluppo tecnico e tecnologico ha muscoli troppo forti e un DNA incorreggibile: si accelererà ancora.

Power is nothing without Pirelli’s control 02

Come sempre i valori autentici si scopriranno soltanto nei weekend di Gran Premio. Un dato però è certo: i pneumatici hanno sempre più un ruolo chiave per gestire la potenza. Per ottimizzarne l’uso. Perché le F1 sono sempre più veloci. E questo accade principalmente in curva, con accelerazioni laterali sempre più spesso elevatissime, non di rado addirittura critiche per collo e schiena dei piloti.
Gare spesso giocate sul filo dei decimi impongono a tratti ritmi di gara quasi da qualifica, prestazioni estreme soprattutto in curva, gestione delicata delle finestre di esercizio ideali in quanto a temperatura del battistrada.

Tutto questo impone una sfida nella sfida. Pirelli quest’anno si è preparata con un prodotto ancora rinnovato. Mescole e costruzioni nuove puntano a offrire ai piloti maggiore possibilità di gestire comportamento e degrado dei loro pneumatici, quindi della prestazione. Mai come oggi, con questa F1 iper-tecnologica, si sposa perfettamente al celebre claim di Pirelli Power is nothing without control.

Without Pirelli’s control: senza, tutto sarebbe molto più difficile. 

Continua a leggere