Le macchine Red Bull e Pirelli più belle

Le macchine Red Bull e Pirelli più belle 01

1. Kimi Raikkonen, Citroen C4 WRC, 2009.
Sicuramente una delle auto da rally più belle che abbiano mai corso nel Mondiale. Dopo la separazione “consensuale” tra Kimi e la Ferrari alla fine del 2009 – solo due anni dopo che il finlandese aveva dato alla Scuderia l’ultimo Titolo – lui decise di seguire il sogno dell’infanzia andando a correre nei rally, con l’aiuto della Red Bull e del Citroen Junior Team (dove il suo compagno di squadra era Sebastien Ogier, ora quattro volte campione del mondo). Kimi aveva un’enorme velocità naturale, ma faticò un po’ con le note; gli highlights della sua prima stagione nel WRC furono il quinto posto in classifica generale nel Rally di Turchia e una delle tappe più veloci del Rally di Germania.

Le macchine Red Bull e Pirelli più belle 02

2. Alex Lynn, GP3, 2014
Il pilota britannico Alex Lynn fece la bellezza di 207 punti in GP3 prima di conquistare il Titolo in modo dominante nel 2014, vincendo tre gare e arrivando a podio altre quattro volte, con la Carlin Racing. Allora faceva parte del Red Bull Junior Team, e come tale aveva il diritto di correre con la distintiva livrea blu e gialla. Quella stagione sarebbe però stata l’ultima con la Red Bull: divenne infatti Williams Development Driver in Formula 1, e corre ancora nelle sports cars – quest’anno ha vinto a Sebring e ha fatto la pole nella LMP2 a Le Mans.

Le macchine Red Bull e Pirelli più belle 03

3. Pierre Gasly, GP2, 2016
Gasly è uno degli ultimi protetti Red Bull ad aver fatto carriera, dopo aver dominato lo scorso anno in GP2 al volante di una Prema Powerteam sponsorizzata Red Bull. Dopo un inizio sfortunato, nella seconda parte della stagione le cose iniziarono a girare per il verso giusto per Gasly, che conquistò quattro vittorie. Di conseguenza, la carriera del 21enne francese è di nuovo in pista e gli hanno chiesto di fare parecchi test di F1 per la Red Bull, mentre si tiene allenato nella Super Formula in Giappone. Ed è in predicato di diventare il prossimo giovane pilota Red Bull a entrare in Formula 1, probabilmente quest’anno, se le voci su un certo scambio di sedili si riveleranno vere. Vi terremo informati.

Le macchine Red Bull e Pirelli più belle 04

4. Maserati MC12, FIA GT, 2004
C’è una bellezza selvaggia nelle migliori vetture GT e la Maserati MC12 è una delle più belle del gruppo, specie quando risplende nella livrea Red Bull. È anche una macchina che è stata sviluppata interamente da zero con i pneumatici Pirelli con cui ha corso, con l’attuale responsabile car racing Mario Isola incaricato allora del programma di sviluppo pneumatici. Avendo vinto complessivamente sei campionati team, due costruttori e sei piloti in tutto il mondo, la MC12 ha anche corso con la livrea Red Bull con Andrea Bertolini e l’austriaco Karl Wendlinger.

Le macchine Red Bull e Pirelli più belle 05

5. Sergio Sette Camara, Formula 3, Macau 2016
È difficile rendere attraente una Formula 3 – solo la sua mamma potrebbe amarla – ma la Red Bull in un certo senso è riuscita nell’impossibile, con i colori dell’azienda che hanno reso attraente la forma tozza del telaio F3. Lo scorso anno Sette Camara portò la sua macchina della Carlin al terzo posto al Macau Grand Prix – la prima stagione in cui Pirelli fornì il prestigioso evento in Estremo Oriente – dopo aver condotto la gara fino alla safety car. Il brasiliano è un’altra futura star che punta a breve a un sedile in F1: ha già fatto dei test per la Toro Rosso.

Le macchine Red Bull e Pirelli più belle 06

6. Ferrari 550 Maranello, FIA GT, 2002
Abbiamo lasciato per ultima la macchina Red Bull e Pirelli più bella. Le linee eleganti della Ferrari 550 Maranello sono lo scenario perfetto per la livrea Red Bull, in una tonalità di blu più chiaro del solito, che ricorda i colori della Toro Rosso di quest’anno. Ecco un (raro) contesto in cui Ferrari e Red Bull sono partner più che rivali. La 550 ha corso con successo in numerosi campionati GT, incluso il FIA GT Series, nelle mani di Luca Riccitelli, e – cosa che non sorprende – di un altro austriaco: Dieter Quester.

Continua a leggere