Le macchine da corsa russe più grandi – e di maggior successo – nella storia del motorsport

Le macchine da corsa russe più grandi – e di maggior successo – nella storia del motorsport 01

Mostri del deserto

Nel corso degli anni ci sono stati dei team russi nel motorsport, l’esempio più recente in Formula 1 è la Marussia, che raramente ha dato problemi ai leader. Sia il team di F1 sia l’azienda di sports car che un tempo possedeva una quota importante del team adesso non ci sono più.

Nelle gare di endurance, le notizie dalla Russia sono più rosee: team come SMP sono regolarmente tra i top contenders, in luoghi come Le Mans o la 24 Ore di Spa.

Ma c’è un’area del motorsport in cui i russi hanno semplicemente distrutto i rivali, anno dopo anno. E si tratta della categoria più grande al mondo – in termini di dimensioni fisiche. Un passo avanti, Kamaz: il costruttore di maggior successo nella tremenda categoria truck alla Dakar.

Si tratta di camion incredibili che possono letteralmente andare ovunque. Da quando il Dakar Rally è andato in Sudamerica nel 2009, la squadra russa non ha vinto solo due volte. In totale (incluse le edizioni precedenti in Africa) Kamaz ha trionfato 16 volte. Sette di quelle vittorie sono state conquistate dall’ex-pilota Vladimir Chagin: noto come ‘Zar della Dakar’ e ora team principal Kamaz.

Lui prende la gara molto, molto seriamente, generalmente iscrivendo tre truck, ciascuno da 980 CV, con motore diesel 12,5 litri in grado di portare il mostro russo a velocità che superano i 160 km/h. In pratica circa la stessa potenza di una F1. 

Le macchine da corsa russe più grandi – e di maggior successo – nella storia del motorsport 02

Allenati duro, lotta con facilità

Spesso si dice che questi giganti della Dakar sono costruiti come carrarmati – e i russi si sono sicuramente allenati con impegno militare, in un campo speciale in Kazakhstan studiato per replicare tutti gli ostacoli che affrontano nel deserto.

Allenati duro, lotta con facilità: Alexander Suvorov – l’ultimo generale dell’impero russo – lo ripeteva sempre”, sottolinea Chagin. “Noi cerchiamo di seguire il suo consiglio. Ci alleniamo quindi nel modo più intenso possible, scegliendo le prove speciali più lunghe con la massima difficoltà per vedere come si comportano i camion, così che piloti e navigatori abbiamo il massimo carico di lavoro”.

Suvorov è noto per non aver mai perso una battaglia, restando imbattuto in 60 conflitti e ha persino scritto un libro sul tema: ‘La Scienza della Vittoria’. Come modello di ruolo, vanta un gran seguito. Con tutte quelle vittorie alla Dakar, Kamaz – il più grande costruttore di camion in Russia – sembra seguire alla perfezione l’esempio di Suvorov.

Non fatevi trarre in inganno dall’esterno che richiama l’agricoltura: questi camion Kamaz sono macchine da corsa allo stato dell’arte, curate con attenzione come i piloti durante il corso della stagione sportiva. Quello che è ancora più significativo è che questi truck scintillanti sono in grado di saltare senza fatica su dune di sabbia come capre da montagna col turbo. Nessun dubbio: la Russia costruisce le macchine da competizione più incredibili che incontrerete mai. 

Le macchine da corsa russe più grandi – e di maggior successo – nella storia del motorsport 03

Nel deserto

Questo nonostante il peso sia nell’ordine di 9.980 kg: circa 15 monoposto di Formula 1 (o più di 146 volte il peso di Lewis Hamiltons).

Non stupisce che Kamaz sia una tale bestia, ma negli ultimi anni è cresciuto considerevolmente ed è diventato molto più leggero, nonostante il classico look HGV e il serbatoio da 1.000 litri. L’ultima evoluzione del truck Kamaz, nome in codice 43509, nasconde moltissima nuova tecnologia – come un cambio totalmente automatico per resistere a 10.000 cambi marcia al giorno – che il team spera contribuirà alla vittoria numero 17 quando la Dakar andrà in Arabia Saudita per la prima volta. È una nuova sfida, ma Kamaz ha già conquistato Africa e Sudamerica.

Nonostante tutti gli sforzi del pilota della Toro Rosso Daniil Kvyat – che ha incontrato Chagin qualche anno fa in un evento Red Bull – la verità è che è improbabile che vedremo un vincitore russo a Sochi questo weekend. O che una macchina russa possa arrivare prima. Ma è molto probabile che accada il prossimo gennaio a Riyadh.

Continua a leggere