L’età è
solo un numero…

L’età è solo un numero - Carlos Sainz

Carlos Sainz

Carlos Sainz può contare molti successi nella sua illustre carriera nel World Rally Championship, che risale al 1987. Ci sono due titoli mondiali ovviamente (entrambi vinti con Pirelli) nel 1990 e 1992, ma se dovesse citarne uno? “È che ho vinto costantemente dall’inizio alla fine”, sottolinea. “Con rare eccezioni, ho vinto un rally ogni anno in cui ho corso”.
A 57 anni, corre ancora adesso – pur seguendo allo stesso tempo la carriera di successo del figlio in Formula 1. In effetti, Carlos ha vinto l’epico Dakar Rally solo lo scorso anno. Potreste aver pensato che fosse il momento ideale per appendere il casco al chiodo, ma no – lui continua.

L’età è solo un numero - Jacques Villeneuve

Jacques Villeneuve

Jacques Villeneuve non è vecchio: ha solo 48 anni, e con i suoi capelli biondi tinti, è ancora piuttosto simile al giovane canadese che vinse il Titolo di Formula 1 nel 1997. Ma Jacques ha iniziato da giovane, salendo su un kart per la prima volta nel 1985, poi vincendo la Indycar solo 10 anni dopo. E poi è arrivata la Formula 1, dove ha corso fino al 2006. Ma, nonostante faccia il commentatore TV per Sky in Formula 1 e sia a capo della Feed Racing School in Francia – equipaggiata da Pirelli – non ha mai smesso di correre. Il numero di campionati cui Villeneuve ha preso parte è incredibile: Le Mans, rallycross, Formula E, NASCAR, FIA GT, Stock Car Brasil, V8 supercars e, quest’anno, Italiano GT. Potremmo continuare... e Jacques non mostra segni di voler smettere.

L’età è solo un numero - Kimi Raikkonen

Kimi Raikkonen

Sembra assurdo definire un 39enne un pilota senior. Ma con il 40° compleanno in arrivo a ottobre, Kimi Raikkonen is in un certo senso è il più anziano della Formula 1 (Robert Kubica e Lewis Hamilton, dopo di lui, hanno entrambi 34 anni: cinque meno di lui). Nonostante questo, Raikkonen ha firmato un contratto a lungo termine con l’Alfa Romeo Racing, il che significa che il suo contratto non scadrà fino alla fine del 2020, nella sua quarta decade. Ovviamente per il finlandese ci sono ancora molti successi sulla carta: il pilota più anziano a vincere un gran premio è stato Luigi Fagioli, che aveva 53 anni quando trionfò nel GP di Francia 1951.

L’età è solo un numero - Gabriele Tarquini

Gabriele Tarquini

Nel 2018, Tarquini è diventato il pilota più anziano a vincere un Titolo FIA conquistando il World Touring Car Cup a 56 anni. È un record che l’italiano aveva già fatto suo quando vinse il primo dei suoi due Titoli nel World Touring Car nove anni prima, superando il successo di Juan Manuel Fangio (che vinse il quinto dei suoi Titoli di Formula 1 a 46 anni). Prima di diventare una leggenda nel world touring cars – ha vinto anche i Titoli britannico ed europeo nella Serie – Tarquini ha trascorso diversi anni in F1 con team minori, facendo un solo punto e stabilendo il record per il maggior numero di tentativi di qualifiche falliti: un’esperienza che avrebbe potuto stroncare per sempre la sua carriera nelle corse. Non quella dell’intrepido italiano. 

Ken Smith

A 77 anni, Smith è quasi sicuramente il pilota in attività più anziano in un campionato monoposto junior. Corre ancora regolarmente nel New Zealand Grand Prix, una gar ache ha vinto tre volte in tre decenni diversi (1976, 1990 e 2004). La prima partecipazione nel 1964, quando la gara fu vinta da Bruce McLaren. Oggi, fa parte della Toyota Racing Series, che vede Smith sfidare alcuni dei migliori giovani piloti di tutto il mondo, la maggior parte adolescenti. Smith è un mentore per i giovani talenti neozelandesi, incluso il campione Toyota Racing Series di quest’anno Liam Lawson, che adesso corre con il Red Bull junior team nel FIA Formula 3 Championship supportato da Pirelli.

Continua a leggere