GP USA: molti circuiti per un solo GP

Show more images

La storia del Grand Prix degli Stati Uniti risale al 1908; il nome ufficiale era "Grand Prize of the Automobile Club of America". Il primo venne vinto dal francese Louis Wagner, a bordo di una Fiat, lungo un percorso di 40 chilometri a Savannah, Georgia, ma già dopo l’edizione del 1916 la gara venne interrotta e si sarebbe dovuto attendere fino al 1958 per la ri-nascita del Grand Prix degli Stati Uniti.

Un anno dopo, l'evento venne aggiunto al campionato mondiale di Formula 1 che già includeva una prestigiosa competizione americana, la Indianapolis 500. In totale, finora sono sei le varie sedi che hanno ospitato il Grand Prix degli Stati Uniti all'interno del campionato mondiale. Il primo nel 1959 fu Sebring in Florida, più noto per la sua gara da 12 ore per le auto sportive. Qui Bruce McLaren ha ottenuto la sua vittoria, consacrandosi come il più giovane vincitore della sua epoca nella F1, prendendo lo scettro dopo che Jack Brabham rimase senza carburante all'ultimissimo giro e fu costretto a spingere la sua auto per poter tagliare il traguardo.

Nel 1960, la gara si tenne a Riverside, California, mentre dal 1961 in poi, il GP degli USA trovò una sua sede permanente e più popolare a Watkins Glen in Upstate New York, dove nomi del calibro di Jim Clark, Jackie Stewart, Niki Lauda conquistarono i loro allori nel corso dei 20 anni successivi.

Per gran parte degli anni ’80, il GP USA uscì dai calendari, anche se nel Paese si tennero altre gare, ma con nomi diversi. La Formula 1 ritornò a Indianapolis nel 2000, su un percorso ibrido, utilizzando parte del celebre percorso su strada ovale e su campo, e vi rimase per i primi otto anni del 21° secolo.

Una nuova casa

La successiva assenza della Formula 1 dagli Stati Uniti è durata relativamente poco. Cinque anni dopo l'ultima corsa a Indianapolis, a ottobre 2012 è stato aperto il Circuit of the Americas nei pressi di Austin in Texas ad opera di Mario Andretti, campione mondiale nel 1978. Il circuito era stato costruito ad hoc con il GP USA in mente, progettato come molti altri tracciati F1 da Hermann Tilke. Varie sezioni del tracciato sono state ispirate da parti famose di altri circuiti, ad es. le curve veloci e scivolose che formano le Turns 3 - 6, che non sono poi così tanto diverse dalla sequenza Maggots - Becketts di Silverstone.

Forse la caratteristica più tipica del circuito è la risalita ripida fino alla Turn 1. La pendenza dell'11% è abbinata a un ingresso ultra-ampio e questo incoraggia i piloti a prendere linee diverse e a produrre sempre un inizio spettacolare della gara, oltre a numerose azioni lungo l'intera distanza.

Il re dei cowboy

Lewis Hamilton è famoso per essere un amante degli Stati Uniti, avendo casa in Colorado, ma questo amore sembra estendersi anche al Grand Prix nazionale. Dopo aver vinto la gara finale prevista a Indianapolis (la sua seconda vittoria della carriera, dopo aver vinto anche in Canada una settimana prima), Hamilton ha ottenuto la vittoria anche alla corsa inaugurale di Austin nel 2012. In totale, ha vinto finora cinque delle otto gare tenutesi presso il circuito, incluse le vittorie back-to-back tra il 2014 e il 2017. Le sue sei vittorie totali nel Grand Prix degli Stati Uniti sono già di per sé un record,  posizionandolo davanti a Michael Schumacher.

Nel 2019, Hamilton ha riconfermato il suo sesto campionato mondiale ad Austin, con un secondo posto finale dietro il suo compagno in Mercedes Valtteri Bottas, unitosi a Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, in qualità di vincitori one-time presso COTA. Nel 2021, la Formula 1 ritornerà nel circuito dopo un anno di assenza forzata, con il campionato ancora lontano dall'essere definito e con Hamilton determinato ad aggiungere questo record di vincite Stateside, per nutrire le speranze di un'ottava corona. 

Continua a leggere