GP F1: tutto sul Gran Premio di Francia

Com'è Paul Ricard per gli spettatori?

Con le sue vaste e pittoresche aree di run-off, il circuito Paul Ricard è uno dei luoghi dal look più moderno e accattivante di tutto il calendario del Gran Premio. Ultimamente, la Formula 1 ha iniziato a presenziarvi a partire dal 2018. Ma la sua tradizione di corse è molto più longeva di quanto possa apparire a un primo sguardo: il circuito di Le Castellet, vicino a Marsiglia, ha ospitato il suo primo Gran Premio di Francia nel lontano 1973, a seguito della sua costruzione iniziata un paio d'anni prima, grazie al finanziamento del magnate dei drink Paul Ricard.

Il circuito di Ricard ha condiviso l'ospitalità del GP di Francia con Dijon-Prenois per oltre un decennio, per poi lasciare spazio solo alle corse tra il 1985 e il 1990. Questo ha coinciso con un periodo glorioso per la Francia nella Formula 1, principalmente grazie a Alain Prost, uscito dalla Winfield Racing School che ancora oggi ha sede presso il circuito. Lui, che è il pilota di maggior successo nella storia della Formula 1, rimane anche il migliore di tutti a Le Castellet, con quattro vittorie.

In seguito, il circuito è stato riqualificato come tracciato di prova all'avanguardia, grazie alla realizzazione delle zone di run-off blu e rosse; le superfici erano più abrasive per aiutare le auto a rallentare in caso di uscita. Questi aggiornamenti in materia di sicurezza hanno consentito al circuito di mantenere le sue caratteristiche originarie, ad es. la curva veloce Signes e il rettilineo precedente Mistral Straight, che offre alcune delle migliori opportunità di sorpasso.

COM'È PAUL RICARD DA GUIDARE?

Il moderno circuito Paul Ricard è molto più di una semplice sfida al volante. Nonostante i piloti possano permettersi di compiere errori senza danneggiare troppo le proprie auto, rimane comunque un luogo in cui uscirne bene è una sfida importante, anche a causa dei diversi layout che rendono difficile trovare la configurazione perfetta. Il primo settore finisce con un complesso tecnico più lento che porta al Mistral Straight lungo 1,8 km, identificato oggi da una chicane.

Il rettilineo porta il nome in onore del vento forte Maestrale che soffia sul circuito; è posizionato su un plateau. Quando soffia, il vento implica un'ulteriore sfida per la gestione della macchina. Nonostante le temperature elevate e le belle giornate soleggiate siano ciò per cui è particolarmente nota la regione, non è raro che si verifichino rovesci di pioggia che interessano anche il circuito.

In condizioni di bagnato o asciutto, Signes è la curva più difficile del circuito e anche la più veloce, da prendere con un'accelerazione di 290 km orari. Dà inizio a una sequenza di curve verso la fine del giro che esercitano il massimo delle forze sulle auto e sugli pneumatici.

COM'È PAUL RICARD DA VISITARE?

Paul Ricard è conosciuto come il "circuito delle vacanze estive" e cos'altro aspettarsi da un circuito che porta perfino il nome di un drink da aperitivo? Il circuito è conosciuto anche come Le Castellet: il nome dell'intatta cittadina medievale che si trova lì accanto, arroccata sulla collina che si apre su un panorama mozzafiato del Mar Mediterraneo. Non mancano tante altre simili gemme nelle immediate vicinanze del circuito: una di queste è La Cadiere, impregnata di tutto il tipo charm della Francia meridionale. Tutti sono costellati di bar e ristoranti, uno degli aspetti più comodo visto che la cosa migliore da fare nel circondario è... assolutamente nulla! Un'atmosfera speciale in cui immergersi.
 
Le più famose cittadine si trovano invece sulla costa, dove bellissime persone, tra cui Brigitte Bardot, erano solito ritrovarsi (e lo fanno ancora oggi). Le cittadine come Cassis, Bandol, Sanary e St Cyr sono come un paradiso del Mediterraneo, rese ancor più celestiali dai vini locali (che vanno splendidamente a braccetto con squisite specialità a base di pesce e di frutti di mare). Non dimenticate di visitare alcuni vigneti e di acquistare l'ottimo vino mentre vi trovate lì: la maggior parte dei produttori vitivinicoli è felice di poter organizzare tour e degustazioni.

Per quelli che amano un po' più di azione, è possibile cimentarsi in tutti i tipi di sport d'acqua, dalle rilassanti nuotate fino allo sci d'acqua, a immersioni e parapendio. Probabilmente il modo migliore per interfacciarsi con l'acqua è su uno yacht: la linea costiera vista dal mare è assolutamente mozzafiato. Non vorrete mai più scendere.

Per rinfrescarsi, addentratevi sotto l'ombra di tante delle grotte che si trovano nelle montagne circostanti: la Grotte de Sainte Marie Madeleine è un'incredibile chiesa costruita proprio all'interno della roccia. Non è forse la gara più bella dell'anno? Decisamente sì!

Continua a leggere