Dalla pista al virtuale con le GT3 del Blancpain

Dalla pista al virtuale con le GT3 del Blancpain 01

Cosa serve per fare un pilota? Fame di adrenalina, nervi saldi, determinazione. Ma anche un team al seguito e, ovviamente, una supercar come coprotagonista dell’impresa. Tutto giusto, ma non tutto imprescindibile: oggi si può sperimentare la competizione ad alta velocità attraverso simulazioni estremamente realistiche e diventare abilissimi piloti senza aver mai messo in moto un’auto da corsa

La guida virtuale sta diventando una realtà sempre più concreta, tanto da conquistarsi uno spazio anche sulle piste vere e proprie: un campionato del videogame Assetto Corsa Competizione sarà disputato proprio durante il Blancpain, negli stessi autodromi riprodotti nelle simulazioni. Gli stessi luoghi in cui le auto stradali dall’indole sportiva, nella realtà ancora prima di approdare nella finzione, si sono trasformate in GT da competizione.

Dalla pista al virtuale con le GT3 del Blancpain 02

Via al campionato virtuale Sro E-sport Gt series
Allineati ad aspettare il verde del semaforo all’autodromo di Monza nel weekend del 13 e 14 aprile non c’erano solo i piloti del Blancpain GT Series. Senza avanzare di un millimetro, ma sperimentando sensazioni di guida molto simili, hanno gareggiato anche numerosi sim racer con simulatori ultra moderni a pochi metri di distanza dalla pista, nella Monza virtuale di Assetto Corsa Competizione. In alcune tappe del Blancpain, infatti, ha già iniziato a prendere forma l’SRO e-sport GT Series, un campionato parallelo di guida simulata con Assetto Corsa Competizione, il videogioco ufficiale di Blancpain GT Series. 

I partecipanti al campionato virtuale sono divisi in tre categorie: gli AM, che possono tentare la qualificazione direttamente on-site; i Silver, coloro che già possiedono la licenza Assetto Corsa Competizione e hanno quindi la possibilità di qualificarsi online; i Pro, cioè i professionisti della guida virtuale, coinvolti direttamente dagli organizzatori. 

Dopo l’esordio a Monza, le gare multiplayer al simulatore sono previste per le tappe di Paul Ricard, Spa e Nürburgring. Chi salirà sul podio in una di queste competizioni andrà alla finale di Barcellona, dove i 3 migliori sim racer - che possono appartenere a una qualsiasi delle 3 categorie - si aggiudicheranno un’esperienza di training con la Lamborghini Squadra Corse.

Dalla pista al virtuale con le GT3 del Blancpain 03

Il nuovo gioco Assetto corsa competizione 
Assetto Corsa Competizione è la nuova versione di Assetto Corsa, già considerato uno dei videogiochi di corse automobilistiche più apprezzati per handling, realismo dell’esperienza di guida e accuratezza dei circuiti. Sviluppata da Kunos Simulazioni, software house italiana specializzata in simulazioni di guida, la nuova versione presenta miglioramenti sbalorditivi, come testimonia il vincitore della tappa di Monza, il sim driver professionista Kamil Franczak: grazie all’Unreal Engine 4, i materiali, le condizioni meteo e gli scenari appaiono visivamente molto veritieri, mentre la LaserScan Technology ha permesso di replicare con la massima precisione tutti i circuiti, fino a ciascun segmento di ogni singolo cordolo. Inoltre, la riproduzione dei suoni di vere auto GT immerge il giocatore in un’esperienza sonora immersiva. Il livello di realismo ha raggiunto standard così elevati che è stato necessario dotare la schermata della diretta streaming del campionato Sro E-Sport GT Series di una grafica specifica, perché gli spettatori non confondessero la gara virtuale con quella reale del campionato Blancpain. 

Quando le gomme fanno gioco
Non deve sembrare di schiacciare una pedaliera appoggiata sul tappeto del salotto, ma di sentire la potenza di un vero motore che restituisce l’impulso dato dal piede e fa vibrare l’abitacolo. Assetto Corsa Competizione si è migliorato con l’ambizione di regalare al giocatore delle sensazioni sempre più convincenti, attraverso uno studio il più possibile accurato di tutti gli elementi che compongono un’autentica esperienza di guida.

Il ruolo dei pneumatici che si vedono scorrere sullo schermo - sebbene siano fatti di pixel e non di gomma - è tutt’altro che secondario. Quelli scelti per equipaggiare le auto del Blancpain - reale e virtuale - sono i P Zero DHD2, i pneumatici Pirelli che fanno correre le vetture GT3 in tutto il mondo e che offrono eccellenti prestazioni in termini di durata e costanza nelle performance (scopri la gamma P Zero).

La collaborazione tra Kunos Simulazioni e i tecnici Pirelli per lo sviluppo del videogame è stato fondamentale per ricreare l’illusione di avere un punto di contatto reale tra l’automobile e l’asfalto virtuali, che reagisse in modo coerente in base al tipo di fondo e al tipo di guida. I pneumatici sono una componente di grande rilievo nell’elaborazione dei comportamenti dell’auto. Bisogna tenerne conto nel momento dello sviluppo del videogioco ma anche durante il gioco vero e proprio: il sim racer dovrà tenere d’occhio eventuali deformazioni, il livello della pressione, o assicurarsi che la temperatura della carcassa della gomma sia a un livello ottimale, per non rischiare di perdere aderenza sul terreno. Kunos Simulazioni, a partire dall’iconico Assetto Corsa, gestisce lo sviluppo dei propri videogiochi cercando di incontrare anche le necessità dei neofiti della guida con l’intenzione di approcciare il sim racing con gamepad ed aiuti aggiuntivi come il controllo di stabilità, che senza privare dell’emozione di salire a bordo di un bolide GT3 rendono l’esperienza di guida avvicinabile ed intuitiva. Guidare in Assetto Corsa Competizione è un gioco, sì. Ma fino a un certo punto.

Continua a leggere