Ai confini del controllo: la F1 di Max Verstappen sul ghiaccio

Show more images

Metti assieme Max Verstappen, campione del Mondo in carica di Formula 1, una monoposto Red Bull, scuderia vincitrice di quattro titoli costruttori, il bel paese di Zell Am See, col suo sfondo bianco neve, e Franky Zorn, star austriaca della velocità su ghiaccio, e ottieni la sfida perfetta tra le nevi. A patto che a gommare la monoposto del pilota olandese ci siano i Pirelli Sottozero Ice J1 da rally, pneumatici asimmetrici dotati ciascuno di 384 chiodi con punta al tungsteno che Pirelli ha sviluppato per le competizioni su neve e ghiaccio più impegnative, come il rally di Svezia, tappa del WRC.

Il campione del mondo di Formula 1 2021 ha accettato la sfida lanciatagli dalla leggenda austriaca Franky Zorn, campione europeo di corse individuali speedway sul ghiaccio nel 2008, e si è messo al volante della Red Bull RB8 (monoposto della stagione 2012) per effettuare alcuni giri del GP Ice Race, su una pista preparata ai margini dell’aeroporto di Zell am See. Dopo il pit stop per montare le gomme chiodate Pirelli l’olandese ha fatto così la sua prima uscita alla guida di una vettura con il numero 1.

I Pirelli Sottozero Ice J1 utilizzano chodi che hanno una lunghezza totale di 20 millimetri, 7 dei quali sporgono rispetto al battistrada, e che conferiscono grip non solo su un fondo particolarmente innevato, ma anche su tratti in cui la neve è più compatta e ghiacciata. Ogni chiodo viene fissato al battistrada durante il processo di vulcanizzazione grazie ad una tecnologia brevettata da Pirelli in grado di offrire una ritenzione superiore. Questi pneumatici sono inoltre asimmetrici, ovvero differiscono tra il lato interno ed esterno del battistrada per ottimizzare il grip e la capacità di trazione. E, guardando il video realizzato dalla scuderia di Milton Keynes, a quanto pare vanno molto bene anche per equipaggiare le monoposto di Formula 1...

Continua a leggere