2017: la rivoluzione tecnica F1® dal punto di vista dei pneumatici

Show more images

Dal ritorno di Pirelli in Formula 1®, nel 2011, sono passate sei stagioni. Piene di sacrifici e soddisfazioni, ripagate dalla fiducia di piloti, meccanici e addetti ai lavori, che si sono messi al lavoro per entrare in una nuova era, che si apre ora con la settima stagione consecutiva di fornitura esclusiva di pneumatici.

Il 2017 sarà infatti l’anno più rivoluzionario da ogni punto di vista: nuovi piloti, nuove vetture completamente riviste dal punto di vista aerodinamico. Per Pirelli il 2017 è l’anno del salto in largo, con pneumatici che presentano una differenza visiva notevole rispetto a quelli della stagione 2016: sia la gamma slick che quella da bagnato presenta infatti un aumento del 25% in larghezza, passando da 245 a 305 mm all’anteriore e da 325 a 405 mm al posteriore. La dimensione attuale dei cerchi resta invariata ai 13 pollici.

Una nuova filosofia
Le nuove misure previste dal regolamento 2017 dovrebbero portare ad un abbassamento dei tempi sul giro di circa cinque secondi rispetto al 2015.

La velocità extra si verificherà sostanzialmente in curva, grazie al maggiore carico aerodinamico delle monoposto. Secondo le attese, le nuove vetture F1® avranno almeno il +20% di carico rispetto allo scorso anno.

Le velocità in curva più elevate impongono carichi significativamente maggiori sui pneumatici, che sono stati ripensati totalmente e realizzati con nuove tecnologie e nuove soluzioni, oltre a nuovi disegni del battistrada per pneumatici intermediate e full wet. C’è di più: dopo le direttive degli ultimi anni, che richiedevano ai pneumatici di fornire un degrado voluto, la Formula 1® ha cambiato strada, chiedendo a Pirelli coperture con meno degrado ed una maggiore resistenza al surriscaldamento per equipaggiare l’ultima generazione di monoposto.

Per arrivare ad una specifica corretta Pirelli ha messo a punto lo scorso anno un programma di test, svolto con le monoposto 2015 di Ferrari, Mercedes e Red Bull modificate per simulare i livelli di carico aerodinamico richiesti. Nei 24 giorni di test dedicati allo sviluppo della nuova gamma di pneumatici in misura 2017 sono stati coperti oltre 12.000 chilometri su cinque diversi tracciati: Fiorano e Mugello in Italia, Paul Ricard in Francia, Barcellona in Spagna e Abu Dhabi.

Tecnologia italiana nel mondo
Le reali prestazioni delle monoposto 2017 si vedranno solo dopo i primi Gran Premi della nuova stagione e, prevedibilmente, saranno superiori rispetto a quelle simulate. Per valutare con più attenzione gli effetti dei nuovi regolamenti, soprattutto dal punto di vista dei pneumatici, Pirelli assegnerà a ogni team lo stesso numero di set per ognuna delle tre mescole nei primi cinque appuntamenti della nuova stagione.

La nuova gamma di pneumatici 2017 per la Formula 1® rappresenta il culmine del livello ultra-high-performance della tecnologia Pirelli: un simbolo del Made in Italy presente sui circuiti di tutto il mondo.

Continua a leggere